Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Per maggiori informazioni visita la pagina sull'utilizzo dei cookies in questo sito. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie. We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. Read our Privacy for more information or close this message and accept terms of use.

Parete est, particolare.
Parete sud. Fregio.
Parete est. Fregio.
L'ambiente, analogo al precedente nell'impostazione dello spazio e degli apparati ornamentali, prende la denominazione dal soggetto principale del fregio: le imprese della famiglia Gonzaga.
L' impresa è un elemento simbolico determinato da una figura ("corpo") e da un motto ("anima"), ma anche sola figura o solo motto, attraverso il quale chi lo adottava desiderava esprimere, in maniera enigmatica e ideale, virtù, affetti, princìpi morali, eventi personali significativi.
A partire dalla parete nord, procedendo verso destra, le imprese raffigurate sono: Cane; Cavedone o Alare (parete nord); Cintura; Monte Olimpo; Museruola; non identificata; Torre (parete est); Sole; Stemma Gonzaga; Ramarro (parete sud); Boschetto;Crogiolo; Ali; Tortora; Guanto (parete ovest).
Tra le imprese più ricorrenti nel palazzo figurano quelle del Ramarro e del Monte Olimpo.
La prima, accompagnata dal motto: "QUOD HUIC DEEST ME TORQUET", "Ciò che manca a costui tormenta me", è riferita alla passione ardente di Federico per la sua favorita, Isabella Boschetti, contrastante con il sangue freddo del rettile.
La seconda, accompagnata dal motto: "FIDES/ΟΛΥΜΠΟΣ", Fede/Olimpo", esprime il concetto di fedeltà, per le ceneri che, poste sull'altare alla sommità del monte, rimangono immobili sopra.
Il camino, in marmo rosso e giallo di Verona, con l'impresa del Ramarro, reca l'iscrizione: "F[edericus] II M[archio] M[antue] V", "Federico II quinto marchese di Mantova".

ARTICOLI CORRELATI