Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Per maggiori informazioni visita la pagina sull'utilizzo dei cookies in questo sito. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie. We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. Read our Privacy for more information or close this message and accept terms of use.

Camera delle Aquile - Busto
Camera delle Aquile - Particolare
Camera delle Aquile - Volta prima del restauro

Restauri documentati

Settecento
La camera, già utilizzata come presidio dell’artiglieria, entra nel programma dei restauri compiuti sotto la direzione di Pozzo e Bottani.

Novecento
Dante Berzuini, custode-restauratore, tra il 1917 e il 1918 interviene sul dipinto centrale della volta.
Nel 1943 Arturo Raffaldini restaura gli affreschi e gli stucchi e provvede al rifacimento di parti mancanti, mentre nel 1967 un intervento urgente vede i restauratori Ottorino Nonfarmale e Assirto Coffani impegnati nel consolidamento e nel ripristino delle decorazioni pittoriche e plastiche.

Restauro del 1989

L’intervento è stato condotto da Maria Giovanna Romano, la quale si occupa del consolidamento e della pulitura delle superfici con rimozione delle ridipinture a olio recenti e il fissaggio delle parti pericolanti.

Restauro del 1997

L’intervento è stato condotto da Maria Chiara Ceriotti (Consorzio Arkè).

Problematiche conservative

Si osservavano distacchi nella decorazione a stucco, problemi di coesione degli stucchi, sollevamenti della pellicola pittorica.

Intervento

Stucchi: L’intervento preliminare è avvenuto con pulitura a solvente per eliminare pellicola di resina acrilica presente, si è poi provveduto alla pulitura ad acqua e tensioattivo, inumidendo la superficie e lavorando a bisturi nonché all’alleggerimento della gommalacca che ricopriva i tralci di vite che si muovono attorno ai putti.

Fondali dei finti cammei: È stata riproposta la bicromia giuliesca con i finti cammei in aggetto su un fondo policromo rosato. Il consolidamento è avvenuto con un convertitore di ruggine e la riadesione dei frammenti staccati con resine in emulsione.
Riquadri con le scene mitologiche: è stata restituita in modo leggero la bicromia documentata dalle analisi stratigrafiche.

Arpie e conchiglie: Sono stati rimossi gli strati di consolidante e poi si è provveduto alla pulitura ad acqua e tensioattivo e a bisturi; per le stuccature delle arpie si è scelto un intervento non ricostruttivo ma conservativo. L’intervento sugli strati di gommalacca che coprivano le conchiglie d’oro e le aquile nere ha previsto la pulitura chimica, poi ad acqua, poi ad alcol puro. Grazie all’integrazione ad acquerello è stata restituita la bicromia delle conchiglie dorate e delle aquile nere.

Busti: Si tratta di statue romane rilavorate in età rinascimentale. L’intervento è stato condotto con impacchi di carbonato d’ammonio in soluzione satura in sospensione in polpa di cellulosa e seppiolite, nonché con la messa in sicurezza del busto sopra la porta d’ingresso.

Bassorilievi del fregio: Si è trattato di un intervento manutentivo, con alcuni consolidamenti molto localizzati dell’intonaco e la fermatura di alcune piccole isole d’intonaco a rischio.

Aquile: Si è scelta una velatura ad acquerello nero al fine di aumentare l’effetto policromo voluto in origine.

Camino: Realizzato in lumachella con la cappa in stucco, è stato pulito con una soluzione di carbonato d’ammonio per rimuovere lo sporco grasso mentre le stuccature sono state realizzate con polvere di marmo e grassello di calce.

Per approfondimenti:
  • P. ARTONI, G. MAROCCHI, I recuperati ambienti di Palazzo Te in Mantova. Tracce per una storia dei restauri, in "Storia e cultura del restauro in Lombardia. Esiti di un biennio di lavoro in archivi storici", Associazione Giovanni Secco Suardo, Lurano, Il Prato editore, 2009, pp. 141-187.

Cona la partecipazione di:

logo seccosuardo1fondazione cariplo