Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Per maggiori informazioni visita la pagina sull'utilizzo dei cookies in questo sito. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie. We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. Read our Privacy for more information or close this message and accept terms of use.

Parete est - particolare
Camera dei Giganti - particolare
Camera dei Giganti - particolare
Camera dei Giganti - particolare

Materiali e tecniche esecutive

I dipinti, ad affresco, sono stati realizzati in una successione di giornate procedenti dall’alto verso il basso; il disegno risulta riportato principalmente per incisione indiretta da cartone. Le zone di cielo presentano velature di smaltino sopra una base di colore violaceo; numerose le aree caratterizzate da finiture a secco (ad es. zone di vegetazione e nuvole della volta).

Restauri documentati

Sette-Ottocento
Tra fine XVIII e inizio XIX secolo, l’architetto Paolo Pozzo progetta e realizza – attraverso un gruppo di artisti dell’Accademia cittadina – il restauro della camera: tra le operazioni, si segnalano il tamponamento – con successiva integrazione pittorica – del vano del camino aperto sulla parete Est e la ridipintura dell’intero zoccolo della sala (per un’altezza di circa 50 cm da terra) e dell’imbotte delle due porte-finestre orientali. Una porta lignea dipinta in continuità con gli affreschi murali viene collocata nel vano di passaggio aperto sulla parete Ovest (la porta è oggi conservata in deposito). Una balaustra – rimossa in occasione del restauro del 1988 – è collocata a protezione degli affreschi ed entro il 1786 è realizzato il nuovo pavimento in “terrazzo veneziano” su disegno dello stesso Pozzo.

Novecento
I documenti evidenziano che nel 1929 vi è la necessità di procedere all’integrazione pittorica di zone di intonaco bianco: si ipotizza che un intervento di questo tipo abbia avuto luogo nel corso degli anni Trenta. Nel 1968 i restauratori Assirto Coffani e Ottorino Nonfarmale – contestualmente impegnati nel recupero di altre sale del palazzo – effettuano operazioni di consolidamento di parti di intonaco sollevato, di pulitura superficiale e di fissaggio della pellicola pittorica.

Restauro del 1988

L’intervento è stato condotto da Te Consorzio e Consorzio C.R.O.M.A. sotto la direzione dell’Istituto Centrale per il Restauro.

Problematiche conservative

Si osservavano lesioni del supporto murario per dissesti strutturali, talora di vecchia data e già stuccate nel corso del tempo; distacchi di intonachino di varia entità; alcuni sollevamenti e cadute di colore; depositi di polveri; stuccature (soprattutto in gesso) e ridipinture dovute a precedenti restauri ormai alterate; tracce di un attacco biologico. Abrasioni e graffiti deturpavano le pareti fino a 2 metri circa di altezza. Le zone di intervento settecentesco apparivano notevolmente inscurite rispetto alla decorazione originale.

Intervento

Il preconsolidamento della pellicola pittorica e la pulitura (meccanica e chimica) degli affreschi hanno preceduto l’asportazione a bisturi di tutte le stuccature in gesso di vecchia data, degradate e talora sconfinanti su zone di pittura originale; i distacchi degli strati preparatori sono stati consolidati mediante iniezioni di malta idraulica premiscelata.
Due specifiche zone della parete Sud (mano del gigante-angolo Est; massi e vegetazione- angolo Ovest), interessate da gravi deformazioni del supporto, sono state temporaneamente staccate per consentire la rimozione di un retrostante strato di gesso iniettato in occasione di un precedente intervento e quindi riapplicate in sede.
La rimozione delle ridipinture alterate, la stuccatura a malta di tutte le lacune e la loro integrazione pittorica con colori ad acquerello – a tratteggio verticale o a velatura – ha restituito leggibilità alla decorazione. La zoccolatura e gli architravi delle porte-finestre – di ripristino settecentesco – sono state sottoposte a pulitura ma mantenute a una tonalità tale che consente di distinguerle dalla decorazione giuliesca; sull’architrave della porta d’ingresso – anch’essa dipinta nel XVIII secolo – sono stati svelati brani di pittura originale prima occultati.
La scelta metodologica di non stuccare i numerosissimi graffiti della parte inferiore delle pareti – datati dalla fine del XVI alla metà del XX secolo – ma di reintegrarne pittoricamente i solchi con velature sotto tono, evidenzia la volontà di conservare testimonianza del passaggio della storia in questo celeberrimo ambiente.

Per approfondimenti:

  • BELFANTI C.M., TELLINI PERINA C., BASILE G., I Giganti di Palazzo Te, Ed. Sintesi, Mantova 1989, pp. 93-142.
  • L’Istituto Centrale del Restauro per Palazzo Te, volume speciale del "Bollettino d’Arte", Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, Roma 1994, pp. 111-126.
  • BELLUZZI A., Palazzo Te a Mantova, Panini, Modena 1998, cap. IX; pp. 446-456.

Con il sostegno di:

logo seccosuardo1fondazione cariplo