Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito usa i cookie di terze parti per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Per maggiori informazioni visita la pagina sull'utilizzo dei cookies in questo sito. Navigando nel sito accetti l'uso dei cookie. We use cookies to ensure that we give you the best experience on our website. Read our Privacy for more information or close this message and accept terms of use.

Pisanello, medaglia raffigurante Gianfrancesco Gonzaga a cavallo, s.d.
Pisanello, medaglia raffigurante il busto di Ludovico II Gonzaga, s.d.
Artista mantovano della I metà del sec. XV, staio, 1416.

La collezione si compone di due sezioni che raccolgono importanti testimonianze sulla monetazione e i sistemi di misura a Mantova e nel suo territorio.

La sezione numismatica è composta da duecentocinquanta monete emesse dalla zecca di Mantova e ordinate cronologicamente dal XIII al XVIII secolo; sessanta sono invece le monete prodotte dalle zecche minori (XVI-XVII secolo). Di notevole e raffinata fattura le medaglie realizzate dai più importanti medaglisti succedutisi a corte, quali Pisanello, Bartolomeo Melioli, Gian Cristoforo Romano, Sperandio Savelli.

Sono inoltre esposti coni, punzoni e sigilli a testimoniare le tecniche di coniazione di medaglie e monete nella zecca mantovana.

Una sezione è interamente dedicata al sistema di misurazione (di lunghezza e capacità) adottato dallo Stato mantovano. Sono presenti un modello per coppi, un modello per mattoni, sei campioni di misure di peso in forma di anfora, sei recipienti di misura di capacità per aridi (cereali), misure di capacità per liquidi e due misure lineari. Gli oggetti, di bronzo fuso a cera persa, decorati in modo raffinato sulle superfici esterne, furono realizzati nel 1554 da Francesco Galvagni Massaro. Accanto a questi, spicca un più antico staio di bronzo, datato 1416.

La sezione è dotata di un esauriente apparato didattico in italiano e in inglese.